30 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > Dicono di noi...

Chiuso il centro raccolta Avis di Quarrata

16-05-2012 01:00 - Dicono di noi...
1100 donatori di Quarrata e Serravalle in attesa di una repentina decisione. Intervengono anche i Giovani Democratici.. Paolo Fabbri: "A rischio il raggiungimento del fabbisogno di sangue".

QUARRATA_ Dopo l’ennesima rottura di alcune tubazioni e il continuo verificarsi di infiltrazioni d’acqua su decisione del Centro Trasfusionale dell’Asl 3 di Pistoia è stato chiuso il centro di raccolta dell’Avis di via Larga a Quarrata presso l’edificio che un tempo ospitava l’Ospedale Caselli.
Alla base di questa decisione che coinvolge complessivamente oltre 1100 donatori ( 950 residenti nel Comune di Quarrata e un centinaio residenti nel comune di Serravalle Pistoiese) ci sarebbero i problemi idraulici e l’impossibilità di utilizzare l’acqua.
Già svuotato di molte delle sue funzioni la struttura attende una sua completa manutenzione per accogliere la “Casa della Salute”.
Il perpetuarsi dei problemi e le difficoltà a compiere le opere di manutenzione richieste ha portato in questi giorni il Centro Trasfusionale dell’Asl 3 di Pistoia a prendere una drastica decisione che oltre al centro di raccolta dell’Avis avrà conseguenze anche sulla sede fissa del medico di continuità assistenziale (ex guardia medica). Entrambi saranno costretti a trasferire le proprie attività altrove.

Paolo Fabbri
“Questa chiusura – ha dichiarato il presidente dell’associazione dei volontari del sangue di Quarrata Paolo Fabbri – era nell’aria da qualche settimana. Forzatamente dal Centro Trasfusionale di Pistoia è stato chiuso il nostro centro raccolta e ci sono state prospettate alcune soluzioni: mandare i nostri donatori ai Centri Raccolta di Pistoia oppure spostarci presso la sede della Croce Rossa Italiana di Quarrata. Già ieri tramite sms abbiamo contattato i donatori per decidere il da farsi. La chiusura del Centro Raccolta potrebbe infatti avere ricadute sul raggiungimento del fabbisogno del sistema sanitario richiesto dalla Regione Toscana. Con oltre 2 mila sacche annue raccolte a Quarrata abbiamo ottenuto finora risultati significativi, addirittura superiori alle aspettative del Centro Regionale Sangue Toscano assegnate alla nostra associazione e rappresentiamo da soli il 16-17 % del sangue raccolto presso l’Asl 3 di Pistoia. La chiusura del centro raccolta potrebbe mettere seriamente a rischio il raggiungimento dell’obiettivo di incremento del 4% della raccolta dell’anno precedente sia di sangue intero che di plasma”.
“Intanto – ha spiegato Paolo Fabbri – dobbiamo registrare l’interessamento del sindaco Marco Mazzanti che ha preso contatti con i responsabili della Cri locale in vista di un probabile trasferimento delle nostre attività presso la loro sede visto che già da ieri sera molti dei nostri donatori hanno bocciato l’ipotesi di doversi recare a Pistoia per le proprie donazioni”.

L'ex Caselli è sede anche della "Guardia Medica"
Sulla chiusura del centro di raccolta dell’Avis è intervenuto oggi anche il segretario dei Giovani Democratici di Quarrata Luis Marchetti:
“A Quarrata hanno chiuso l’Avis. Il mercoledì e il sabato in tanti ci recavamo a donare il sangue al Caselli, dove trovavamo persone brave e competenti. Ora questo non è più possibile. Per quanto tempo? Noi giovani democratici di Quarrata protestiamo contro questa decisione e chiediamo con forza una sede consona per questa Associazione così importante per la nostra città. Il sangue e il plasma servono ai malati, servono a chi soffre e non c’è società giusta se non si fa carico della sofferenza dei più deboli, come chi perde la salute, che significa vita. L’Avis, di cui mi onoro di fare parte come donatore, va difesa è invito tutti a non fare cadere nel vuoto questo appello dei Giovani Democratici quarratini”.
Come noto il centro di via Larga era aperto il mercoledì e il sabato e ogni ultima domenica dei mesi dispari dalle 8 alle 10,30. Una ventina di giorni fa a causa dei problemi emersi era stato chiuso anche il centro radiologico che avrebbe dovuto riaprire in questi giorni.
In base al progetto presso l'edificio quarratino vi dovrebbero essere trasferite tutte le attività del distretto socio-sanitario di via Marco Polo: uffici, Cup, punto di prelievo, ambulatori specialistici e di medicina pubblica, servizio sociale e anche il centro diurno, gli ambulatori, il servizio radiologico ed ecografico e la donazione del sangue.
Andrea Balli


Fonte: Quarrata e Dintorni Blog

Realizzazione siti web www.sitoper.it